Alemanno ha revocato il divieto di circolazione per i ciclomotori, sarà stato per le tonnare sui pochissimi mezzi pubblici in regola con catene o gomme termiche, o magari per via delle code chilometriche causate da migliaia di cittadini, costretti a convertirsi alle quattro ruote.
A Roma ci sono circa ottocentomila tra scooter e moto, ottocentomila persone che in qualche modo dovevano pur muoversi. A via Bravetta, fonti ufficiose (lo zio Toto) parlavano di caroselli a passo d’uomo per una decina di chilometri. Altri hanno atteso i mezzi pubblici fino a quando si sono dovuti arrendere all’evidenza.
Ora si può finalmente tornare alla pseudo-normalità del traffico romano.
Questi disagi hanno però convinto il nostro sindaco Gianni Alemanno a prendere delle contromisure in chiave futura.

Questo il comunicato ufficiale:

“Date le avverse condizioni meteo la cittadinanza è pregata di attenersi a queste semplici istruzioni fino al tepore delle idi di maggio.
– Obbligo di gomme termiche e/o catene a bordo di automobili, furgoni, autobus, camion (ecc…).
– I mezzi di locomozione a due ruote potranno circolare solo se muniti di rotelline extra (quelle delle biciclette per bambini verranno omologate dalla motorizzazione nelle prossime ore) e comunque solo tra le 12:35 e le 13:15.
– Al Circo Massimo verranno distribuiti gratuitamente bob a due, quattro e otto posti.
– I ciclisti potranno muoversi solo a patto di trasportare la bicicletta in spalla.
– Le carrozze trainate da cavalli saranno costrette a montare cingoli antecedenti il 1974 (oggi non ci sono più i cingoli di una volta…).
– I pedoni circoleranno a colori alterni, parola di uno sciamano tibetano molto in voga nel subconscio di Gianni. Secondo lo stregone il verde e il rosso terrebbero alla larga gli spiriti della neve. I vestiti di rosso potranno circolare il lunedì, il mercoledì e il venerdì; quelli con abbigliamento verde i restanti giorni. Colore jolly il nero perché sfina (il sindaco esclude qualsiasi altra motivazione storico-sociale).
– Qualora si volesse andare a spasso sui trampoli, sarà consentito solo dopo averli ricoperti di gomme da masticare, ne migliorano l’aderenza a basse temperature.
– I possessori di criceti domestici dovranno adeguarsi alla nuova normativa montando le catene da neve sulla ruota nella gabbietta.
– Dal giorno 15 del corrente mese, in tutti gli istituti scolastici saranno obbligatorie tre ore settimanali di alpinismo e tre di pronto intervento valanghe. Non si sa mai, metti che una slavina si stacchi dal Gianicolo…”

Sfoglia qualche pagina

Acquista il libro